0
Shares
Pinterest WhatsApp

Sembra passato un secolo dalle dimissioni di Ralph Lauren nel 2015, eppure si tratta solo di pochi anni. Questo testimonia tutto l’impatto lasciato nel mondo del business da un uomo straordinario, come pochi al mondo. Nato nel 1939 a New York da genitori emigrati bielorussi, scampa alla tragedia della Seconda Guerra Mondiale ma vive la propria infanzia nel Bronx. Fa strano pensarci, considerando che si tratta di uno degli uomini più ricchi del mondo, con un patrimonio di ben 7 miliardi di dollari. È la prova tangibile che, grazie al proprio talento e alla forza di spirito, si può cambiare il corso della propria vita.

rl1

Il successo di Ralph Lauren: tutte le tappe

Ralf Lifschitz, nome d’arte Ralph Lauren, sente sin da subito di avere qualcosa di speciale. Come da lui stesso dichiarato durante un’intervista, sapeva di essere destinato a grandi cose, anche se non sapeva ancora di cosa si trattasse. Approccia il mondo della moda a 24 anni e, come tanti altri stilisti oggi famosi, lo fa iniziando come commesso. In questo modo ha potuto sondare il terreno e osservare dall’interno il funzionamento del mondo della moda. Poi arrivò la voglia di cambiare e di dedicarsi a qualcosa di personale. Le cravatte furono la prima passione di Ralph, originali e frutto di una visione completamente nuova e non ancora apprezzata. Ciò costrinse lo stilista a trovare un socio in affari e da lì la strada cominciò a spianarsi, fin quando riuscì a immetterle sul mercato col marchio Ralph Lauren. Poi arrivarono le famose polo, finanziate soprattutto dal successo delle cravatte, che divennero presto il marchio di fabbrica del brand. Oggi chi desidera acquistare una polo Ralph Lauren può farlo sia recandosi in un negozio fisico del brand sia su piattaforme come YOOX, che hanno vetrine interamente dedicate a questo storico marchio.

La passione di Ralph Lauren per le auto d’epoca

Ralph Lauren non è solo cravatte e polo. Il noto stilista newyorkese, infatti, è da sempre un grande appassionato di auto d’epoca. Tra le preferite troviamo diversi modelli di Ferrari, un marchio che – proprio come quello di Lauren – testimonia eleganza ma con discrezione. Potendo sbirciare nel suo box personale, spiccherebbero all’occhio anche automobili del calibro dell’Alfa Romeo 8C Mille Miglia, della preziosissima Bentley del 1929 e altri straordinari modelli come la Bugatti del 1938 e l’immortale Ferrari Testa Rossa del 1958. Nella collezione dello stilista si trovano anche una Ferrari del 1961, una Jaguar del 1955 e una Mercedes del 1930.

Ferrari 250 Testarossa (1958) - CC BY-SA 3.0 - Author: The Supermat
Ferrari 250 Testarossa (1958) – CC BY-SA 3.0 – Author: The Supermat

Fra polo, cravatte, auto d’epoca e patrimonio da record, Ralph Lauren è riuscito a inanellare successi su successi, diventando un’icona di stile ed eleganza.

Previous post

Boy beat: il nuovo trucco no make-up

Next post

Monaco – Trossi: la strana storia dell’aereo da pista senza ali