6
Shares
Pinterest WhatsApp

Il Web Marketing Festival, il più grande festival dell’innovazione digitale, per l’edizione del 2020 non si arrende al covid ma anzi raddoppia proponendo 2 appuntamenti, uno per la prima volta completamente digitale nei tre giorni previsti di giugno e un altro in presenza a novembre che registra già il tutto esaurito.

Per l’edizione online è stato creato un apposito format digitale multisala, particolarmente orientato alla formazione, in cui si potrà accedere agli oltre 350 speech in programma con relative slide e registrazioni che rimarranno a disposizione nella propria area riservata, consentendo così paradossalmente una fruizione più completa che dal vivo non sarebbe possibile e imporrebbe delle a volte dolorose scelte in caso di eventi simultanei.

Nel Mainstage si potranno seguire come nelle edizioni passate i talk ispirazionali e formativi su trend del futuro, dati del mercato e temi innovativi ad elevato impatto sociale grazie ai contributi dei più grandi esperti del settore.

Con la partecipazione di personaggi rilevanti come: Sophia (il robot umanoide), Graziano Giacani (brand festival), Giuseppe Lombardo (procuratore direzione distrettuale antimafia Reggio Calabria) e Diego Mandolfi (scuderia Alpha Tauri F1 team)

Offerta valida fino al 28 maggio

Presentazione iniziale affidata a Graziano Giacani subentra dopo 10 min Sophia che risponderà alle domande poi ci sarà un cambio della guardia con Giuseppe Lombardo che parlerà di sicurezza e dei nuovi pericoli per concludere ci sarà Diego Mandolfi che spiegherà il nuovo modo di spostarsi.

Nella versione digitale sembra mancare la parte di interazione e networking che permetteva di mettere in contatto partecipanti ed eventuali sponsor, una parte che sembra riservata all’edizione di novembre con le iniziative di speed meeting e business matching. Resta un’area expo interattiva in cui sarà possibile chattare, fare video call e lasciare i propri contatti.

Parte di festa e spettacolo: la parte online sembra promettere ancora ospiti a sorpresa, la parte in presenza ha in programma festa in spiaggia e show artistici.

Questa versione di festival interamente digitale potrebbe essere il modello per tutta una serie di eventi che non potranno più essere fatti in presenza cause le misure di sicurezza per il covid, permettendo anzi una fruizione più completa per quel che riguarda eventi formativi e in ambito di formazione, come convegni o congressi. Sembra invece improbabile per eventi più ludici e di intrattenimento che coinvolgono una dimensione più emotiva.

La sfida non sarà tanto nell’uso della piattaforma, in quanto tecnologia già acquisita, ma nei contenuti, cercando il modo di rendere sempre più accattivanti i format digitali. Non per niente WMF collabora da anni con scuole e università mettendo a disposizione gratuitamente strumenti di conoscenza e formazione per la didattica a distanza, tema quasi sconosciuto per molti prima dell’epidemia covid e che ha costretto a una forzata innovazione tutto il mondo dell’istruzione.

Previous post

Le Frecce Tricolori “abbracciano” Torino

Next post

Il turismo dei Millennials (e della generazione Z)