3
Shares
Pinterest WhatsApp

Nati come indumento di lavoro per l’eccezionale robustezza, diventati in brevissimo tempo icona stessa della gioventù, della spregiudicatezza, dell’ America stessa

Sento meno pressione a vestire in modo giovanile. Ho 50 anni e tutti sanno che ne ho 50 – chi vuoi prendere in giro? I jeans sono la mia uniforme. Ne ho circa 15 paia.” Michelle Pfeiffer

E’ il 1872, Levi Strauss riceve una lettera da un sarto del Nevada, suo cliente, Jacob Davis. Nella sua lettera, Davis descrive un modo unico con cui faceva pantaloni per i suoi clienti, utilizzando rivetti a punto di tensione, in ottone, per farli durare più a lungo. Davis era intenzionato a brevettare il suo metodo, ma ha bisogno di un socio per procurarsi i capitali necessari. Levi è entusiasta dell’idea. Il brevetto viene concesso a Jacob Davis e Levi Strauss & Company il 20 maggio 1873. E’ l’inizio di tutto.

da4974607afe70bc59fe7e0b6244276d

Ben presto, il primo abbigliamento rivettato è stato fatto e venduto. I primi Jeans creati sono il modello Denim, inizialmente  tessuto tradizionale per indumenti da lavoro degli uomini. In brevissimo tempo, il fenomeno Jeans diviene un must che conquista un incredibile successo, con cultori sia  tra gli uomini che tra le donne.

324

Il nome nasce però molto più tardi (furono chiamati “waist overall” o “tuta” fino al 1960, quando i più giovani  adottarono il nome di “jeans.”).

Il genio di Levi Strauss e Jacob Davis, due immigrati visionari, che con un po’ di filato Denim e qualche cerchietto di metallo, hanno creato l’indumento più popolare, venduto, e amato al mondo.

Levis_501_rear_detail

Previous post

Ferrari 330 P3/4: la Leggenda di Daytona 1967

Next post

La leggenda della Sacra di San Michele