4
Shares

Ci sono oggetti che sembrano essere stati concepiti per diventare immediatamente dei punti di riferimento per il design internazionale. Nell’immaginario collettivo diventano icone di momenti storici in cui cambiano o trasformano le tendenze, definendo forme, sperimentando geometrie.

Ed a Milano, negli anni ’60, Giuseppe Brion l’imprenditore milanese a capo di Brionvega, lavorava con un team di specialisti che discuteva di tecnologia e di forme, tutti a stretto contatto. Un sodalizio felice che realizzò apparecchi elettronici radiotelevisivi ancor oggi in produzione, sullo stesso disegno originale, aggiornati nella tecnologia digitale.

Nel 1963 gli architetti Marco Zanuso e Richard Sapper rivoluzionano il design di prodotti consumer come la radio e la televisione “inventandosi” le linee futuribili e accattivanti della Radio TS 502 e del televisore portatile Algol 11.

algol11 buono

Per dare un riferimento dello stravolgimento e della proiezione futura dei due architetti, basti pensare che mentre Brionvega metteva in commercio i due articoli, Gigliola Cinquetti cantava a Sanremo “Non ho l’età”

E ancora oggi questi splendidi oggetti di casa sono esposti al MoMa (Museum of Modern Art di New York) a testimonianza di un importante passo nello sviluppo delle linee e dei concetti di usabilità che trasformarono il mercato e le abitudini dei consumatori tra gli anni ’60 e gli anni ’70.

Marco Zanuso, designer e urbanista, è considerato tra i padri fondatori del design industriale italiano. Insieme al gruppo dello studio BBPR (progettisti della Torre Velasca di Milano), ad Alberto Rosselli, a Franco Albini, a Marcello Nizzoli e ai fratelli Livio, Pier Giacomo e Achille Castiglioni, ha contribuito al dibattito nel dopoguerra sul “movimento moderno” nell’architettura e nel design. Zanuso è stato uno dei primissimi ad interessarsi ai problemi dell’industrializzazione del prodotto e all’applicazione dei nuovi materiali e tecnologie agli oggetti di uso comune.

Torre Velasca

Richard Sapper viene considerato uno dei designer più importanti della sua generazione. Ha ricevuto numerosi premi internazionali di design, più importanti fra tutti sono i 10 Compasso d’Oro ottenuti dal 1960 al 1998, più un undicesimo premio (alla carriera) nel 2014. I suoi prodotti sono presenti nelle collezioni permanenti di molti musei in tutto il mondo, compresi il Triennale Design Museum di Milano, il Museum of Modern Art (MoMA) di New York e il Victoria and Albert Museum a Londra.

Ultima sua creazione universalmente nota, il ThinkPad X1 di IBM.

Thinkpad

Previous post

Il "calice rovesciato" di Depero

Next post

L'eredità dell'abate Sebastian Kneipp