3
Shares

“La pittura è una professione da cieco: uno non dipinge ciò che vede, ma ciò che sente”

Pablo Picasso

Volete un motivo per andare a visitare la bellissima nuova mostra nella galleria di Elena Salamon?

Provo a raccontarvi per quale motivo ci andrò io.

Innamorato dell’arte, sia quella classica, che quella contemporanea, mi ritrovo sempre in una situazione di bipolarità sensoriale, quando visito i musei e mi fermo davanti alle opere, rapito dai colori, dalle forme, ma più ancora dalla capacità degli autori di “andare oltre”, di percepire qualcosa che non fa parte del reale di tutti i giorni.

Scarica di adrenalina infinita per l’ultima visita agli Uffizi ai primi di dicembre dello scorso anno, in una infinita successione di opere che strozzano in gola lo stupore, la consapevolezza di ripercorrere uno studio dei corpi e delle forme, che dal XIII secolo evolveva fino alla bellezza sublime di Botticelli.

20171201_132339

Allo stesso tempo, la magnetica contemplazione di studi spaziali complessi, di forme che si intersecano, frammentano e ricompongono, in una ricerca di una percezione sensoriale della realtà molto meno “visiva”: maggio 2017, Museo del Novecento, una parete grigia racconta con un’energia quasi sconvolgente il cubismo, con due tele di Braque e Picasso. Meraviglia!

18700443_1967965636562842_175402106278253629_o-1

Braque: Natura morta con chitarra (1907), Picasso: La bouteille de Bass (1912-1914)

Fino al 26 maggio, La Elena Salamon Arte Moderna, una piccola e storica galleria d’arte collocata in una delle piazze più poetiche di Torino, piazzetta IV Marzo, propone uno splendido dialogo d’arte: Picasso, Braque e Cocteau, tre maestri che hanno segnato il mondo artistico d’inizio secolo, raccontati attraverso oltre cento litografie realizzate in un arco temporale che va dal 1934 al 1963, quasi tutte a colori, provenienti da diverse serie realizzate dai tre artisti durante il corso della loro carriera.

Il 1907 è per Picasso un anno di svolta. Realizza l’opera “Les demoiselles d’Avignon” che in qualche modo segna la nascita del Cubismo.

7-picasso-le-roi-en-visite-1954

Picasso “Le Roi en visite” – 1954 

Con Georges Braque, incontrato durante un’esposizione al Salon D’Automne, proprio nel 1907, instaura un lungo sodalizio artistico. A contatto di gomito con Braque, elabora una nuova concezione della composizione, definita ‘cubismo sintetico’ (1912-1914). Il proficuo confronto tra i due, all’inizio del Novecento, dà vita a una nuova visione dello spazio, con oggetti smembrati e sfaccettati, creati dallo spezzettarsi dei piani.

Nasce il Cubismo.

11-braque-trois-oiseaux-1955

(Braque “Trois oiseaux” – 1955)

E durante la prima guerra mondiale, nel 1917 un gruppo di maestri dell’arte, della danza e del teatro, viaggiavano insieme tra Napoli e Pompei, cercando spunti e idee per nuovi lavori e spettacoli cui dare forma. I quattro “grandi” erano Jean Cocteau, Pablo Picasso, Léonide Massine e Sergej Diagilev, che ad inizio secolo cercavano la giusta ispirazione per scrivere una pagina indimenticabile della storia del teatro contemporaneo.

15-cocteau-la-mach-ecrire-i-1957

Cocteau “La mach ecrire I” – 1957

Proprio in quell’anno, a maggio, avrebbe debuttato a Parigi “Parade”, spettacolo creato a 10 mani con coreografie di Massine, testo di Cocteau, scene e costumi di Picasso, Balletti di Diagilev e musiche di Satie.

picasso-pompeii

Picasso e Léonide Massine nel giardino della casa di Marco Lucrezio a Pompei (1917)

Non racconterò oltre delle litografie esposte nella Galleria, decidere di andare a vederle è sicuramente il modo migliore per immergersi in un bagno culturale che ha cambiato l’arte del ‘900.

 

PICASSO, BRAQUE E COCTEAU

Tre grandi personalità a confronto

Elena Salamon Arte Moderna – 12 aprile/ 26 maggio 2018

Via Torquato Tasso, 11 – (piazzetta IV Marzo) – 10122 Torino

Tel. 011 7652619 cell. 339 8447653 – elena@elenasalamon.com

 

Aperture

martedì, mercoledì e venerdì: 15.00 – 19.00
giovedì e sabato: 10.30 – 19.00
Lunedí chiuso

Previous post

Siamo solo dei viaggiatori immobili

Next post

Buon Compleanno Leonardo da Vinci