2
Shares

New York. E’ il 12 ottobre 1960. Durante un’Assemblea delle Nazioni unite il segretario del partito comunista russo Nikita Kruscev si toglie una scarpa, brandendola. Il gesto, una delle immagini icona del Ventesimo secolo, avviene per protesta nei confronti dell’intervento di un oratore filippino, Lorenzo Sumulong, che stava parlando della dominazione sovietica sui paesi dell’Europa dell’ est. La scarpa, di colore chiaro, con i lacci, rimane poi in bella vista sul tavolo per tutto il tempo della seduta all’ Onu. In seguito molti diplomatici affermeranno che non si è mai capito se Kruscev abbia davvero usato una delle sue, ne abbia presa una in prestito da Andrej Gromiko (allora ministro dell’Unione Sovietica), che gli stava accanto, o ne avesse portata una apposta nella borsa, per batterla sul tavolo.

12-ottobre-1960-Soviet-Premier-Nikita-Khrushchev-banged-his-shoe-on-the-rostrum-at-the-United-Nations

Ma leggenda vuole che quella scarpa fosse stata confezionata dalla grande firma italiana della moda Angelo Litrico.

Litrico rese internazionale il suo marchio nel 1957 quando venne invitato a partecipare ad una missione commerciale in Russia da parte dell’industria della moda italiana. Usò delle foto per confezionare un cappotto che donò proprio a Nikita Kruscev.

Foto-Angelo-Copia

Il segretario comunista rimase così soddisfatto che gli commissionò un intero guardaroba per il suo famoso viaggio negli USA nel mese di settembre 1959. Erano comprese proprio le scarpe che sarebbero diventate famose per essere state sbattute sul tavolo in occasione dell’assemblea generale delle Nazioni Unite del mese di ottobre del 1960.

I giornalisti americani erano così curiosi di vedere un premier sovietico così ben vestito che gli chiesero il nome del suo sarto. Quando Litrico andò negli Stati Uniti poco dopo, si trovò assediato dai giornalisti, e la sua fama era assicurata. Egli vestì diversi grandi del tempo, come John F. Kennedy, Juan Perón, Tito, Dwight D. Eisenhower, e il re Hussein di Giordania.

agoefilo-640x480_2

Leggenda? Realtà?

Previous post

AVICII: arriva il primo singolo di "Stories"

Next post

Il Cavallino Rampante: simbolo italiano