0
Shares

E anche quest’anno è arrivata l’accensione dell’albero di Natale torinese.

Natale Magico 2018 – L’albero di Piazza San Carlo © Barbara Gramolotti
Natale Magico 2018 – L’albero di Piazza San Carlo © Barbara Gramolotti

Dopo anni in Piazza Castello è avvenuta nella centralissima Piazza San Carlo, con l’apertura della prima casella del Calendario dell’Avvento, che arricchisce la scenografia di Natale con le 24 caratteristiche caselle.

Si tratta di un’usanza molto diffusa nei paesi di lingua tedesca, dedicata ai bambini per accompagnare il periodo di attesa della grande festa, ma ormai popolare anche nelle nostre città.

6461761_orig

Ricchissima di iniziative ed eventi la programmazione natalizia, per un mese accompagnerà cittadini e turisti verso le festività di fine anno.

Un mese di magia ci attende.

Natale Magico 2018 – Piazza San Carlo © Barbara Gramolotti
Natale Magico 2018 – Piazza San Carlo © Barbara Gramolotti

Lo show inaugurale di magia di questa sera in piazza San Carlo è solo il primo di una lunga serie del “Natale Magico”.

Nei prossimi weekend fino a Natale in piazza Solferino verrà allestito “Illusionarum”, un museo interattivo che contiene la più grande collezione al mondo di illusioni ottiche dove è possibile scoprire i segreti del funzionamento del cervello.Santa Rita, invece, accoglierà le esibizioni di “Close-Up Theatre”, tavoli di magia in cui artisti e prestigiatori coinvolgeranno direttamente spettatori di tutte le età.

© Francesca Tecardi
© Francesca Tecardi

Il Cortile del Maglio ospiterà la “Magic School” per i più piccoli dove verrà insegnati ai bambini come costruire alcuni giochi di prestigio riciclando materiali.

Il 31 dicembre, in piazza Castello, lo spettacolo di illusionismo del Masters of Magic World Tour regalerà un Capodanno da Guinness dei Primati con trenta artisti internazionali sul palco e cento minuti di magia. E nella notte di attesa del nuovo anno 15.000 spettatori saranno trasformati per dieci minuti in veri e propri prestigiatori».

Il Natale Magico prenderà forma anche in  ospedali e case di riposo e toccherà le periferie com momenti di spettacolo in biblioteche e case di quartiere.

Previous post

Alle origini di Martini & Rossi

Next post

Quale futuro per il Castello di Moncalieri?