0
Shares

Oltre ai tantissimi appassionati di moto d’epoca, in Italia sono in molti gli interessati al settore che trovano però diverse difficoltà a livello informativo.

Partiamo, dunque, spiegando il significato dell’espressione “moto d’epoca”, chiarendo in particolare come si conta l’età di una motocicletta. Prima di tutto, per essere considerata d’epoca, una moto deve avere almeno 20 anni d’età, in caso contrario infatti non è possibile richiedere il certificato ASI. Dai 30 anni in poi, invece, la moto viene considerata storica ed è possibile accedere ad alcune agevolazioni fiscali.

Old Motorcycle Vintage Bike Motorbike
Old Motorcycle Vintage Bike Motorbike

Come calcolare l’età della moto? Basta prendere in considerazione l’anno della prima immatricolazione; tale valore però è indicativo, perché in presenza di prove certe, sarà la data di produzione del veicolo (antecedente alla prima immatricolazione) a fare fede.

Valutare la propria moto prima di metterla in vendita

Le moto d’epoca vantano un certo mercato in Italia, ricco di potenziali compratori, e la vera difficoltà sta infatti nella valutazione della moto prima di metterla in vendita.

Chi desidera vendere, quindi, dovrà prima essere capace di determinare il valore di quest’ultima considerando alcuni fattori. In primo luogo bisogna considerare lo stato del veicolo, dunque il corretto funzionamento di ogni componente. Anche lo stato di conservazione è importante, in particolare l’originalità di pezzi come il telaio, il motore e la carrozzeria. Nel caso in cui i pezzi abbiano dato problemi nel corso degli anni, si prende in considerazione anche l’eventuale sostituzione con ricambi originali. Infine è necessario che il libretto di circolazione rispetti le regole del codice della strada e che il veicolo non sia stato radiato.

Cosa controllare prima di acquistare una moto

Per chi desidera comprare una motocicletta d’epoca sono validi gli stessi consigli già esposti, ai quali bisogna però aggiungerne degli altri. Innanzitutto si suggerisce di controllare l’iscrizione al registro storico, utile per ottenere dei vantaggi fiscali su assicurazione e bollo. A questo proposito può essere utile anche consultare questa pagina di Facile.it che spiega come assicurare una moto d’epoca iscritta all’ASI.

Poi bisogna inevitabilmente passare ai controlli di natura tecnica. Il primo elemento da testare è il motore: usando un cacciavite, se colpendolo leggermente dall’esterno produce rumori strani o tonfi, c’è qualcosa che non va. Un altro elemento importante da verificare è il chilometraggio: il numero dei chilometri percorsi dev’essere coerente con lo stato della moto, di conseguenza anche i copertoni vanno osservati bene, controllando in particolare l’integrità dei raggi delle ruote. Altre parti da non trascurare sono gli scarichi, controllando soprattutto la cromatura e l’eventuale presenza di ruggine.

L’acquisto e la vendita di una moto d’epoca sono operazioni che richiedono cura e attenzioni molto particolari, necessarie per evitare acquisti insoddisfacenti e interventi futuri.

Previous post

In giro per Musei: La pittura del Veronese

Next post

Bicerin: 255 anni di storia tutta torinese