0
Shares

E’ avvincente ripercorrere il  mito della “Freccia d’argento” con le ali del Gabbiano, la Mercedes 300, un auto che ha fatto, da sola, la Storia.

Presentata la prima volta a New York nel 1954, la Mercedes 300 SL sfoggia una linea dalle forme fluide, che esprimono eleganza e forza dinamica. In più vanta delle credenziali costruttive che l’hanno elevata al rango di vera icona del settore. L’appeal è reso ancora più fascinoso dalle porte ad “ali di gabbiano”. Da qui è nato il mito del modello, capace di emozionare ancora gli appassionati a oltre mezzo secolo di distanza dal lancio.

7275_1954-mercedes-benz-300-sl-gullwing-specifications-images-top

La Storia

E’ il 1949, la seconda guerra mondiale è finita. A Stoccarda la Daimler-Benz può finalmente ricominciare a costruire automobili, e sa cosa le serve. Un immagine, un icona, qualcosa che possa vincere gare, qualcosa di imbattibile.

Così nasce la Mercedes 300 SL, da una geniale idea di  Rudolf Uhlenhaut, brillante progettista della casa tedesca, che in un tempo relativamente breve realizzò la 300 SL  da corsa. Personalità esplosiva, quella di Uhlenhaut, come si evince da un divertente aneddoto: dopo i test drive al Nürburgring il grande Juan Manuel Fangio ha ritenuto che il veicolo non fosse stato  preparato in modo ottimale. Uhlenhaut si alzò – dopo un pranzo sontuoso in giacca e cravatta – salì in macchina e guidò l’auto  intorno al circuito. Tre secondi più veloce del campione del mondo! Tornato da Fangio, Uhlenhaut, imperturbabile, gli raccomandò di fare ancora un po’ di pratica.

La  vettura  in questione vincerà praticamente tutte le corse cui venne iscritta (eccezion fatta per la Mille Miglia del 1952, vinta da una Ferrari 250S).

Mercedes-Benz-300SL-Alloy-Gullwing11

Le “Ali del Gabbiano”

La sua peculiarità, il suo telaio tubolare intrecciato, un particolare che le permetteva un’ottima torsione senza sacrificarne la leggerezza, fu un problema al momento di fissare le portiere, essendo il telaio laterale troppo alto. Fu questo che portò i progettisti a inserire le straordinarie portiere a Ala di gabbiano che contraddistingueranno la vettura e le daranno il soprannome, Gullwing (ala di gabbiano) o per i francesi Papillon (farfalla).

Mercedes-Benz-300-SL-Coupe-Dash-Fender-Section-1280x960

Le vittorie

Il debutto avvenne alla Mille Miglia del 1955, poco dopo fu la volta del Gran Premio di Svezia ed della  Lüttich-Roma-Lüttich .Sempre nel 1955 vi furono le vittorie al Gran Premio di Lisbona ed al Rally dei Tulipani. L’anno seguente vinse al Rally del Sestriere vi furono altre vittorie al Nürburgring e all’AVUS. E poi nuovamente il Gran Premio di Svezia, la gara del Mont Ventoux ed il Gran Premio di Spagna, tutte gare che hanno visto trionfatrice la 300 SL.
Il copione identico l’anno seguente, dove la 300 SL  trionfò a Macao, al Gran Premio di Spagna, al Nürburgring, a Vienna ed alla Caracas-Cuma-Caracas.

NY13_r136_01

 

Previous post

Cesare Maldini: il ricordo a Casa Milan

Next post

 “A Moon shaped Pool”: il ritorno Radiohead