1
Shares

Dal 21 settembre al 13 gennaio a CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia saranno esposte oltre 150 opere tra quadri, fotografie, collages, grafiche, che illustrano la varietà e la straordinaria vivacità di questa grande vicenda.

La pop art è una corrente artistica della seconda metà del XX secolo, derivazione dalla parola inglese “popular art”, ovvero arte popolare. Si interessa della forma e della rappresentazione della realtà. I maggiori rappresentanti del genere furono tra gli altri: Roy Lichtenstein (ricordate la splendida mostra della GAM Torino http://bit.ly/2opuIoU) del 2014 , che si richiamò al mondo dei fumetti; George Segal, che costruì a grandezza naturale figure in gesso colte in gesti di vita quotidiana; Claes Oldenburg e Andy Warhol che riprodussero in grande scala beni di consumo, o fece apparire molli e quasi in decomposizione oggetti tecnologici; James Rosenquist, con i suoi enormi cartelloni pubblicitari. Maestro riconosciuto della pop art fu Andy Warhol, anche regista cinematografico, che trasformò l’opera d’arte da oggetto unico in un prodotto in serie, come nella celebre serie dei barattoli di zuppa di pomodoro Campbell, con la quale egli confermò, di fatto, che il linguaggio della pubblicità era ormai diventato arte e che i gusti del pubblico si erano a esso uniformati e standardizzati. Altrettanto celebri sono David Hockney, Jeff Koons, mentre Jasper Johns e Robert Rauschenberg sono considerati i capiscuola della pop art americana.

Claudio Cintoli (1935-1978). Mezza bocca per G.D., 1965. Olio su tela, 100 x 80,5 cm. Courtesy collezione privata. Fotografia di Pietro Notarianni © Eleonora Manzolini Cintoli
Claudio Cintoli (1935-1978). Mezza bocca per G.D., 1965. Olio su tela, 100 x 80,5 cm. Courtesy collezione privata. Fotografia di Pietro Notarianni © Eleonora Manzolini Cintoli

Tra i protagonisti presenti in mostra si possono citare gli americani Andy Warhol, Robert Rauschenberg, Jim Dine, Ed Ruscha, Joe Goode, Ray Johnson, Rosalyn Drexler; gli inglesi Richard Hamilton, Peter Blake, Allen Jones, Joe Tilson, David Hockney, Gerald Laing, Derek Boshier; i tedeschi Sigmar Polke, Wolf Vostell; gli italiani Mimmo Rotella, Michelangelo Pistoletto, Franco Angeli, Umberto Bignardi, Gianni Bertini, Claudio Cintoli, Sebastiano Vassalli e tanti altri.

rotella
Mimmo Rotella, Viva America

Tra i fotografi, si sottolinea la presenza di Ugo Mulas – cui viene dedicata un’intera sala, dove verranno esposte le serie realizzate negli Stati Uniti e quella della Biennale di Venezia del 1964 – e di Tony Evans, fotografo dei protagonisti della Swinging London dei primissimi anni Sessanta.

Se volete saperne di più della pop art:


Camera Pop.
 La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co
Mostra fotografica e multimediale
Torino, Camera, Centro Italiano per la Fotografia, via delle Rosine, 18
dal 21 settembre 2018 al 13 gennaio 2019
Lunedì Mercoledì, Venerdì e Sabato ore 11 – 19 giovedì ore 11 – 21 – ultimo ingresso 30′ prima
Tel 0110881150 – www.camera.to

Previous post

Eau Rouge - Raidillon: le curve dei campioni

Next post

Antoon Van Dyck: il ritrattista delle corti europee in mostra a Torino