43
Shares

La prima donna italiana che indossò i pantaloni femminili lo fece nel centro di Torino, come riferiscono le cronache locali, verso le 19 del 31 marzo 1911, suscitando un vero e proprio scompiglio sotto i portici di piazza Carlo Felice, nei pressi della stazione di Porta Nuova.

Per sfuggire agli scherzi e agli schiamazzi dei passanti la signora dovette rifugiarsi in un negozio di profumeria fino alle 21, uscendo da una porta posteriore.
Era un modello di “jupes-culottes” lanciato dal sarto parigino Paul Poiret. All’esposizione del 1911 riscosse grande successo il Padiglione della Moda che presentava, in enormi vetrine e su modelli di cera a grandezza naturale, il meglio della produzione degli atelier torinesi. Per la prima volta in quella occasione si parlò di “Moda Italiana”.

I grandi atelier trasformarono Torino in una vera e propria capitale della moda, seconda solo a Parigi: le griffe torinesi possiedono un’eccezionale abilità artigianale e realizzano abiti su misura dal gusto raffinato per la ricca clientela di tutta Italia.

Il centro città si popolò di sartorie, tra le quali spiccavano le Sorelle Costa, Gori, Sanet e La Merveilleuse, questa, fondata nel 1912 da Giuseppe Tortonese, contribuì alla diffusione dello stile torinese attraverso le sue famose camicette prodotte fino a 30.000 all’anno e aprendo succursali a Roma, Milano, Genova e Napoli.

Negli anni ’30 per le sartorie Torinesi lavorò l´italo-americano John Guida, autore di originali disegni di moda che ben rappresentano il mutare del gusto tra gli anni ´20 e ´40.

L’artista italo lavorò a lungo come figurinista per le storiche case di moda Coen di Roma e Sanet di Torino e per alcune tra le maggiori riviste dell’epoca e, in tempi più recenti, i suoi disegni sono stati presentati in numerose esposizioni, da “Anni Trenta – Arte e Cultura in Italia” storica mostra a Palazzo Reale a Milano nel 1982, alla grande antologica alla Fondazione Ratti di Como nel 2012.

Nel 2014 una splendida mostra nello Spazio Ersel di Piazza Solferino ha permesso di ammirare settanta disegni, a pastello e tecnica mista, provenienti da una collezione privata torinese, in cui John Guida illustra, con tocco elegante e raffinato, i modelli degli abiti realizzati dai grandi sarti francesi tra gli anni Venti e Trenta, Jean Patou, Lucien Lelong, Jeanne Lanvin, Madeleine Vionnet e Coco Chanel.

Vai al nostro post sulla mostra ed alla galleria foto

Previous post

La leggenda del "Genio alato" di Torino

Next post

La cappella barocca in autostrada