8
Shares

La lampadina fu fabbricata a Shelby (Ohio) dalla Shelby Electric Company alla fine degli anni ’90 dell’Ottocento. In base al racconto di Zylpha Beck Bernal essa fu donata ai vigili del fuoco da suo padre (Dennis Bernal) nel 1901. Bernal era proprietario degli impianti energetici ed idrici di Livermore e donò questa lampadina quando vendette l’azienda. Questa storia fu tramandata da vigili del fuoco volontari di quell’epoca.

La lampadina fu collocata in almeno quattro posti diversi. Originariamente fu utilizzata (1901) nella postazione di L. Street, successivamente venne trasferita in una rimessa utilizzata dai vigili del fuoco e polizia (nel centro di Livermore), poi fu trasferita nuovamente in un corridoio di una nuova struttura che ospitava, in sede unificata, tutti dipartimenti.

s5hvme47bx82bfn3upqq

Fu inclusa nel Guinness dei primati 1972, come “La lampadina più duratura” sostituendo un’altra lampadina a Fort Worth (Texas), ma per cause non note è rimasta nel “libro” per sole 16 edizioni.

Nel 1976 i vigili del fuoco si trasferirono nella Fire Station #6, East Avenue 4550 di Livermore, traslocandovi anche la lampadina. Per lo spostamento fu reciso il cavo di alimentazione, poiché si temeva che l’estrazione della lampadina dal proprio portalampada avrebbe potuto danneggiarla. La lampadina non fu alimentata durante il trasporto e, per sicurezza, fu riposta in un contenitore appositamente progettato; tutta l’operazione fu compiuta in soli 22 minuti.

Da allora la lampadina è mantenuta accesa continuamente, tramite anche l’ausilio d’un apposito gruppo di continuità per le emergenze. Nel 2001 ne fu celebrato il centenario con una festa con barbecue e musica dal vivo. La notte del 20 maggio 2013 sembrava che la lampadina si fosse bruciata, perché dalla webcam che la riprende ininterrottamente non si vedeva più nulla. Tuttavia, il 21 maggio alle 6:17, l’elettricista che era stato incaricato per confermare le condizioni della lampadina aveva invece individuato un problema al cavo di alimentazione, il quale aveva generato un cortocircuito a causa della sua condizione ormai logora.

57cc13670e9146e6e5a8a07ed1dba3ca

Durante la notte, la lampadina è rimasta fuori uso complessivamente per circa nove ore e mezza. Il periodo massimo per cui la lampadina ha continuato ininterrottamente ad illuminare è di 37 anni, dal 1976 al 2013; in precedenza fu spenta per brevi periodi, come ad esempio per una settimana nel 1937 a causa di una ristrutturazione dei locali o per brevi interruzioni di alimentazione.

La lampadina è curata dal “Comitato Centennial Light”, una collaborazione tra i vigili del fuoco di Livermore-Pleasanton, Livermore Heritage Guild, il Lawrence Livermore National Laboratory e i Sandia National Laboratories. I pompieri di Livermore sono intenzionati a tenere accesa la lampadina fino a quando essa non si spegnerà definitivamente, tuttavia non hanno ancora progetti per il proseguo. Ripley’s Believe it or Not! ha già fatto la richiesta per inserirla nel proprio museo. La lunga vita del bulbo è attribuita alla sua bassa potenza, al funzionamento continuo e costante e alla presenza di un alimentatore dedicato; altri fattori considerati sono l’intrinseca qualità del filamento, il suo spessore superiore al normale e l’evidente buona qualità di vuoto generato nel bulbo.

In origine la lampadina aveva una potenza che si stima fosse compresa fra i 30 e i 60 W, ma nel corso del tempo si è progressivamente ridotta, fino ai circa 4 W misurati nel 2003.

Continua ad illuminarci, lampadina!

Previous post

Bliss: l’immagine più diffusa sulle scrivanie di tutto il mondo

Next post

L'aspirapolvere che vinse una gara di Formula 1