8
Shares

Vi è mai capitato di scorgere, percorrendo l’Autostrada Torino-Pinerolo, in prossimità dello svincolo di Volvera una Cappella Barocca?

La cappella Pilotti (“Capela ‘d Pilòt”) è un’opera architettonica di particolare pregio. Si trova alla periferia ovest del paese, proprio a ridosso dell’autostrada Torino–Pinerolo.

E’ stata restaurata ed il suo stato di conservazione attuale è eccellente.

L’intervento risale all’inizio degli anni ’90, quando i progettisti in occasione della costruzione del primo tronco della diramazione autostradale Torino-Pinerolo si sono letteralmente imbattuti nella Cappella Pilotti, un edificio religioso sei-settecentesco, da tempo sconsacrato e fatiscente, ubicato in aperta campagna nel punto in cui era prevista la realizzazione dello svincolo di Volvera.

Nel corso degli anni hanno costruito le più svariate ipotesi sulle origini e sulla denominazione. Qualche vecchio volverese, infatti, sostiene che questo edificio fosse il nucleo di un vecchio monastero; altri affermano fosse collegata da un sotterraneo al castello di Volvera o di Piossasco;

qualcuno la ritiene baluardo e fortezza alle mire espansionistiche dei signori di Piossasco; c’è chi spiega che viene chiamata “Pilotti” dal nome del proprietario del terreno su cui sorge.

Tutte queste tradizioni orali, arricchite in qualche caso da racconti sulla presenza di spiriti e di “masche” e dal sotterramento nelle sue vicinanze del “Cannone d’Oro” lasciato dalle truppe francesi dopo la Battaglia della Marsaglia il 4 ottobre 1693, hanno creato un alone di mistero attorno alla cappella e sono state sufficienti ad appagare la curiosità della popolazione sulla sua storia e sulle sue vicende.

L’uso saltuario della chiesa ha provocato, però, fasi ricorrenti di abbandono e di degrado a cui si è fatto fronte, in epoche successive, con consistenti interventi di restauro.

La chiesa conquista i visitatori per le soluzioni architettoniche originali e bizzarre, forse anche a causa dei numerosi cambiamenti apportati al programma costruttivo e per l’aggregazione di due diverse tipologie: la chiesa e la casa per dare alloggio ai cappellani a cui l’edificio era assegnato.

Cosa aspettate ad andare a cercarla? 

Previous post

La moda italiana nacque a Torino

Next post

Studenti svelano il mistero della costruzione di Stonehenge