1
Shares
Luci, colori, suoni, emozioni: dopo l’anticipazione su Radio Pane Salame di qualche giorno fa (ascoltate il podcast su spreaker a questo link, il mio intervento parte da 65’35” circa), voglio parlarvi di un festival musicale senza eguali, Tones on the Stones.
Ospitato da giovedì 17 a domenica 20 luglio nello splendido scenario delle cave di marmo del Verbano Cusio Ossola, sul lago Maggiore, il festival – nato nel 2007 da un’idea di Maddalena Calderoni – propone anche in questa ottava edizione una serie di spettacoli d’arte all’interno di giganteschi teatri di pietra, palcoscenici affascinanti, unici e grandiosi.

Per l’edizione 2014 Tones on the Stones torna con una proposta esclusiva e multidisciplinare, che coniuga tradizione e contemporaneità e guarda ai nuovi linguaggi dell’arte. La quattro giorni di spettacoli dal vivo e performance musicali presenta due novità: un’innovativa produzione di Tosca di Giacomo Puccini, con le video scenografie digitali proiettate in 3D mapping e neXTones, la sezione del festival interamente dedicata ai nuovi suoni, articolata su due giorni con live set dei più interessanti musicisti della scena elettronica internazionale.

Inaugurazione giovedì 17 luglio alle ore 21.30 con Tosca di Giacomo Puccini, nuova produzione in prima assoluta, nell’innovativo e unico allestimento digitale realizzato in video 3D mapping da AreaOdeon. Il collettivo monzese, noto a livello internazionale per le performance di video arte oltre che per il Kernel Festival, realizzerà le scenografie in 3D che saranno proiettate sulle pareti di roccia: fasci di luce e immagini in tre dimensioni animeranno le quinte sceniche e i fondali naturali costituiti dalle enormi lastre di marmo, per un’esperienza unica di teatro musicale e arti digitali.

Segnaliamo anche sColpire Donna, iniziativa collaterale al festival: una call riservata agli uomini per realizzare un’opera d’arte collettiva dedicata alla bellezza femminile. Inviate le vostre foto all’indirizzo art@tonesonthestones.com ritraendo un particolare del volto di una donna che sia per voi simbolo della sua bellezza e della sua autenticità. Le foto verranno stampate su carta speciale e andranno a comporre un’opera d’arte in mostra tra i marmi della cava, per non dimenticare la violenza che colpisce ogni anno numerose donne in tutto il mondo.

blogger_tones_on_the_stones_cats_2007_ph_luigi_pretolani

 

Previous post

Una tecnologia tutta da indossare

Next post

A Lisbona, tra vicoli colorati e sorprendenti locali