0
Shares

Girovagando per la rete sono stato attirato dall’immagine seppia scattata negli anni ’30, perché sin da piccolo ho sempre avuto come idea di lupo di mare un marinaio così.

Crew member W. F. Howard on board R.R.S “Discovery” 28th December 1930

E cercando un po’ ho trovato una storia davvero carina sulla sua imbarcazione e su Mr.Howard.

W.F.Howard era imbarcato (la foto è del 28 dicembre del 1930) sulla nave RRS Discovery.

RRS-Discovery

La RRS Discovery fu utilizzata in diverse spedizioni nelle regioni antartiche, come cargo durante la prima guerra mondiale e come nave di addestramento per boy scout. Attualmente si trova in un museo nella città scozzese di Dundee.

Il 6 agosto 1901, cinque mesi dopo il varo, la nave  salpa dall’isola di Wight in direzione Antartide che raggiunge nel gennaio del 1902.

La prima missione fu complicatissima: dopo aver impiegato il primo mese per cartografare la costa, in preparazione dell’inverno, la nave gettò l’ancora nel canale McMurdo. Contrariamente al piano che prevedeva di trascorrervi l’inverno e poi salpare per una nuova zona, la nave rimase bloccata dal ghiaccio per i successivi due anni.

Discovery_Dundee_0753m

Nonostante ciò la spedizione fu in grado di localizzare il Polo Sud Magnetico. L’equipaggio stabilì anche un record raggiungendo 82° 18′ sud. Dopo molte peripezie la RRS Discovery riuscì a salpare verso l’Inghilterra e far ritorno a Spithead il 10 settembre 1904.

Dopo la guerra mondiale ed una serie di aggiornamenti, venne utilizzata nei mari antartici per studiare la migrazione delle balene come parte del programma Discovery Investigations.

E fu allora che salì a bordo il nostro Mr. Howard, per lavorare all’operazione Banzare.

La spedizione BANZARE  (British Australian (and) New Zealand Antarctic Research Expedition) si svolse tra gli anni 1929 e 1931 ed ebbe come scopo l’esplorazione geografica.

Durante la spedizione vennero effettuati anche brevi voli a bordo un piccolo aeroplano. In particolare vennero mappate le regioni costiere delle terre di Mac Robertson e della principessa Elizabetta.

RRS-Discovery-and-Discovery-Point-Dundee

Dopo anni di abbandono, la nave fu salvata dal Maritime Trust nel 1979 viene ancorata ad una sponda del Tamigi ed aperta al pubblico. Il Trust spenderà 500 000 £ per i restauri per poi affidare l’imbarcazione al Dundee Heritage Trust nel 1985.

Il 28 marzo 1986 la Discovery lascia Londra a bordo della nave mercantile Happy Mariner per fare il suo ultimo viaggio verso la città che l’ha costruita. Arrivata a Dundee sul fiume Tay il 3 aprile l’imbarcazione riceve una calorosa accoglienza dalla popolazione. Assicurata nel 1992 ad un molo appositamente costruito, la nave è oggi l’attrazione principale del Discovery Point di Dundee.

La città ha anche scelto come soprannome The City of Discovery in onore della nave e della ricerca pionieristica fatta nella medicina dalla locale università.

discovery_005_01

Previous post

Il primo film della storia

Next post

Cinque buoni motivi per passare la Pasqua in Piemonte