2
Shares

Quanti di voi sono impazziti per risolvere il Cubo di Rubik?

Il cubo di Rubik o cubo magico è un celebre rompicapo (in particolare un twisty puzzle), diventato notissimo all’inizio degli anni ’80 e inventato dal professore di architettura e scultore ungherese Ernő Rubik nel 1974.

Erno Rubik presenta il suo Magic Cube alla stampa
Erno Rubik presenta il suo Magic Cube alla stampa

Nella primavera del 1974, mentre si trova nella sua casa a Budapest, Ernő Rubik crea il primo prototipo del cubo, progettato a scopi didattici e all’inizio diffusosi solo tra i matematici ungheresi, interessati ai problemi statistici e teorici che il cubo poneva.

3dd3e03e94b36eb79e02832ec3d4571b

Chiamato originariamente Magic Cube (Cubo magico), il rompicapo fu rinominato in Rubik’s Cube (Cubo di Rubik) dalla Ideal Toys nel 1980.
È il giocattolo più venduto della storia, con circa 300 milioni di pezzi venduti, considerando anche le imitazioni.

Tanti i metodi per risolvere l’enigma e completare le sei facce del cubo.

rubik-wordpress.com_

Il più intuitivo metodo risolutivo è il metodo a strati. Consiste nella risoluzione strato per strato. Vi sono 7 passi da effettuare (croce, angoli primo strato, secondo strato, orientamento spigoli, orientamento angoli, permutazione spigoli, permutazione angoli). Questo metodo ha il vantaggio di dover memorizzare pochi algoritmi, ma non è adatto per lo speedcubing, perché risulta molto più lento rispetto ai metodi più avanzati.

Infatti difficilmente con questo metodo si riesce a scendere sotto il minuto, mentre con quelli degli speedcubing la media è di 15-20 secondi.

Previous post

Ostriche e non solo champagne

Next post

Monterey Car Week 2015: Ferrari sugli scudi