0
Shares

Bim Bum Bam andò in onda per la prima volta nel settembre del 1981 sul circuito delle reti di Rusconi, il 3 gennaio 1982 iniziò la sua avventura sulla Fininvest, prima su Italia 1 e poi, negli Anni 90, su Canale 5. Il programma cominciava alle 16,30 quando, almeno in teoria i bambini avevano già fatto i compiti e potevano dedicarsi ai cartoni.

Bim Bum Bam ha infatti il merito di aver lanciato moltissimi cartoni statunitensi e anime giapponesi, partendo da Tom & Jerry, Jeeg robot d’acciaio, Lady Oscar, passando per I Puffi, Scooby-Doo, Kiss Me Licia, Mila e Shiro e terminando con i Pokémon, i Power Rangers e Rossana. Fu un programma longevo (andò in onda dal 1981 al 2002) e fece quindi compagnia a intere generazioni nei pomeriggi lontani da scuola.

Bim Bum Bam 2

Dapprima condotto da Sandro Fedele, Marina Morra e Paolo Bonolis, nel passaggio a Italia Uno rimase Bonolis affiancato da Licia Colò e dal pupazzo Uan (così chiamato ispirandosi alla pronuncia inglese di One, uno, ovvero il nome dell’emittente). Il cane antropomorfo rosa che ormai è entrato nell’immaginario collettivo riscosse un immediato successo, grazie al suo carattere giocoso e anche un po’ pestifero. Uan fece la sua prima apparizione il 12 settembre 1983 e subito i bambini di tutta Italia si identificarono in quel pupazzetto discolo, svogliato a scuola e sempre pronto ad organizzare scherzi. La crescente popolarità di Uan permise al pupazzo di passare dal ruolo di mascotte e dai semplici lanci di cartoni e messaggi promozionali che svolgeva inizialmente, alla partecipazione a vere e proprie mini-storie con una loro coerenza interna e di una sorta di continuità, da seguire nel loro sviluppo di puntata in puntata.

Al pupazzetto Uan si affiancarono Four (un orsetto dalla pelliccia bruna con occhi azzurri e naso a pallina arancio, simbolo di Rete 4, frequentava le scuole medie e adorava i Duran Duran) e Five (una sorte di draghetto, simbolo di Canale 5, fu doppiato da Marco Columbro). Nel 2001 questi tre pupazzi furono donati alla Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano, tuttavia furono rubati nell’ottobre 2005 e ancora oggi non sono stati ritrovati.

generazione-bim-bum-bam

Per chi avesse nostalgia però del pupazzetto Uan, c’è una bella notizia: il 12 settembre il cane rosa più famoso della tv ha aperto un blog (http://www.glianni80.com/uan-originale/) in cui potrete trovare alcuni video della trasmissione insieme alla sua recente incursione al programma “Le Iene”, senza contare le foto, la posta e molto altro. Inoltre, nella giornata di oggi sul canale Mediaset Extra dalle 10 alle 20, ci sarà la maratona di Bim Bum Bam. Per tutti quelli che ancora ricordano i tormentoni «Ehi, ragazzi che ora è? Son passate già le tre. Io la storia l’ho studiata, la poesia l’ho già imparata» e che per una volta ancora vogliono tornare bambini.

bim-bum-bam1

Previous post

Auld Lang Syne: la ballata universale di un piemontese alla corte di Maria Stuarda

Next post

Arriva "Italia WiFi": una grande opportunità