0
Shares

Poche ore fa Avicii​ ha reso disponibili online i video di due singoli estratti dal nuovo album (in uscita il 2 ottobre) “Stories”.

For A Better Day è il secondo singolo di Avicii estratto da Stories (dopo “Waiting for love”), che sarà pubblicato il 2 ottobre nella versione CD e digitale ed il 16 in quella vinile (doppio LP).

avicii-bass-button

“Stories” (questo il titolo del nuovo album) include quattordici canzoni inedite e una serie di collaborazioni tra cui quelle con Chris Martin dei Coldplay e Wyclef Jean; tra le tracce: “Waiting For Love”.

“Tutte le canzoni che ho messo nel disco hanno una storia che volevo raccontare – rivela lo stesso Avicii.

Piuttosto d’impatto la storia raccontata nel video di “For a Better day”, influenzata in qualche modo dalle storie di pedofilia raccontate nella saga di Stieg Larsson Millennium.

Dal 1 settembre è possibile pre-ordinare l’album in versione digitale.

Avicii, pseudonimo di Tim Bergling (Stoccolma, 8 settembre 1989), è un disc jockey e produttore discografico svedese.

Scoperto nel 2008 da Ash Pournouri, che diventerà il suo manager e gli farà firmare un contratto con la sua agenzia (la At Night Management), Tim decide di adottare uno pseudonimo come DJ: Avicii, che in sanscrito vuol dire letteralmente senza onde e rappresenta, nel buddismo, l’ultimo livello dell’inferno.

Chi avrebbe invece voluto ascoltare dal vivo AVICII, dovrà rinviare al 2016.

Per il secondo anno di fila il DJ rinvia il suo tour mondiale. Una storia già vista lo scorso settembre, quando lo svedese, a causa di problemi di salute, dovette annullare tutte le date che aveva in programma.

Stavolta però, almeno secondo il suo comunicato ufficiale, il motivo sarebbe tutt’altro.

Avicii-nuovo-album-Stories

“Cerco sempre di essere innovativo insieme al mio team, di essere il rappresentante di un grande cambiamento che non riguarda solo la mia musica. Lo spostare il mio tour promozionale all’anno prossimo mi da la grande opportunità di concentrarmi su me stesso e usare il tempo per cercare di crescere in un modo in cui non ne ho mai avuto la possibilità – normale, o almeno il più normale possibile. Il mio team, la mia etichetta e la mia famiglia mi hanno incoraggiato a farlo e mi rendo conto che non molti, nella posizione, possono permettersi il lusso di prendere al volo un’opportunità del genere.”

Previous post

Beth, la fixie e i Cinnamon Rolls

Next post

Nikita Kruscev e la scarpa Litrico all’ONU