2
Shares

La Galleria Sabauda di Torino accoglie, dal 16 novembre 2018, una nuova grande mostra dedicata a Antoon Van Dyck (1599-1641), il miglior allievo di Pieter Paul Rubens, che rivoluzionò l’arte del ritratto del Seicento.

Antoon Van Dyck fu pittore ufficiale di alcune delle più grandi corti d’Europa ritraendo nelle sue opere principi, regine, gentiluomini e nobildonne delle più prestigiose famiglie della nobiltà dell’epoca dagli aristocratici genovesi ai reali di Torino passando per altre importanti casate europee.

musei-reali-torino_galleria-sabauda_anton-van-dyck_i-figli-di-carlo-i-dinghilterra_285

Fiammingo di Anversa, nella sua vita si sposto moltissimo in Europa, visitando le corti più illuminate del continente, fermandosi poi a Londra per un periodo lungo ed intenso, alla corte di Re Carlo I, convinto di aver trovato in Van Dyck l’erede di Tiziano.

Nella sua permanenza inglese, nella sua casa visse anche la sua amante, Margaret Lemon, ritratta più volte in vesti allegoriche e mitologiche. Si dice che la donna fosse talmente gelosa di Antoon che una volta tentò di mordergli un dito della mano per impedirgli di ritrarre delle signore.

Rientrato in Belgio, nel corso del suo soggiorno a Bruxelles incontrò anche Tommaso Francesco di Savoia, primo principe di Carignano e comandante generale delle forze spagnole nei Paesi Bassi, di cui eseguì un grande ritratto equestre, in cui il principe appare in tutta la sua maestà, tenendo con fermezza uno splendido cavallo bianco mentre si impenna.

musei-reali-torino_galleria-sabauda_anton-van-dyck_il-principe-tommaso-di-savoia-carignano_743

Questo ritratto fa parte della collezione permanente della Galleria Sabauda.

Ma proprio la Galleria, inaugura il 16 novembre la mostra organizzata con Arthemisia:

Dal 16 novembre al 9 marzo 2019 «Van Dyck. Pittore di corte»

Sale Palatine, Galleria Sabauda

La mostra è una grande occasione per riunire 50 opere «selezionatissime» provenienti da musei internazionali, ma anche per valorizzare l’importante corpus di opere della Sabauda. In mostra anche il ritratto di Emanuele Filiberto di Savoia poi viceré di Sicilia, dalla Dulwich Gallery di Londra.

 

«Van Dyck. Pittore di corte»

16 novembre 2018 – 9 marzo 2019

Sale Palatine, Galleria Sabauda

Musei Reali – Torino

Previous post

La Pop Art di Warhol, Schifano & Co a Torino

Next post

Downshifting? Preferisco le marce alte!