1
Shares

Inizia oggi l’ evento più atteso dai cultori dell’auto italiani. Il Salone dell’Auto aprirà i battenti oggi 8 giugno alle ore 10:00; il Parco del Valentino sarà la perfetta cornice per l’evento che catalizzerà l’attenzione della città sabauda per i quattro giorni della sua durata.

valentino con stand

Tanto per elencare qualche numero : oltre 40 (43 per la precisione) le case automobilistiche presenti che esporranno le loro novità; 12  le vetture di costruttori di case di design e Style Center (con nomi come Pininfarina,  IED Torino, Italdesign,  Skorpion Engineering); oltre mezzo milione, i visitatori attesi provenienti da tutto il mondo; 8 anteprime mondiali, dove ricordiamo Abarth 595, Mazzanti Evantra Millecavalli, Frangivento Asfanè, IDEA Institute E Legante ed E Voluzione Model 5 Genesi, UP Design Mole Valentino, Luce. E 20 anteprime nazionali, da parte di case come Ferrari, Audi, Ford, Lamborghini, Fiat, Jaguar.

Tra le novità ricordiamo in particolare il debutto della nuova Ferrari F12 TDF, 790 CV, un vero concentrato di innovazioni tecnologiche, dal motore all’aerodinamica.

ferrari F12

Quest’anno sarà inoltre presente una novità che non mancherà di attirare una folla di curiosi, infatti al Parco del Valentino debutterà il Test Drive, che permetterà  ai visitatori di poter provare su strada le auto ammirate in pedana, comprese quelle elettriche. Ogni Casa automobilistica avrà a disposizione fino a 4 postazioni  e potrà far testare le proprie vetture, alcune delle quali davvero futuristiche,  su tre percorsi emozionanti e inaspettati, in viabilità ordinaria: cittadino, autostradale e collinare.

Assolutamente da non perdere sarà, l’11 giugno, il Gran Premio Parco del Valentino, con la sfilata di Concept Car a edizione limitata che, dopo aver sfilato per la città di Torino, partiranno da Piazza Vittorio, i 45 km che le seprarano dal traguardo: i giardini della Reggia di Venaria.

Dopo il successo del Salone del 2015, questa seconda edizione promette di essere davvero l’evento che riaccenderà negli italiani la vera passione per le quattro ruote.

Previous post

I poliziotteschi: da Torino a Quentin Tarantino

Next post

Lo Smemorato e la Certosa di Collegno